Traviata

Sabato, 11 Luglio, 2015 - 20:45

 

Dopo il brillante inizio di sabato 27 giugno con La Serva padrona, delizioso intermezzo buffo di Pergolesi, seguirà il 4 luglio il Don Pasquale di Donizetti anch'essa opera buffa per la quale sono stati creati scenografia e costumi essenziali, a cui si aggiungerà una particolarità legata al coro. Infatti ai coristi di base si affiancheranno man mano, in un gioco di ruoli ad incastro, i cantanti interpreti delle parti principali dell'opera rendendo così il coro "dinamico".  

Ma veniamo alla terza opera in programma, sabato 11 luglio - Traviata di G. Verdi a cui farà seguito, dopo la pausa estiva, Le nozze di Figaro di Mozart, che chiuderanno la stagione lirica.

Traviata, una delle opere più rappresentate in assoluto, non ha bisogno di presentazione nè di narrazione della trama. La vicenda di Marie Duplessis, personaggio realmente esistito nella Parigi di metà ottocento e della sua relazione con Agénor de Gramont, figlio del IX Duca di Gramont,  è passata alla storia perché su di essa sono basate due grandissime opere dell'Ottocento: "La Signora delle Camelie" di Alexandre Dumas figlio (Marie presta l'identità a Marguerite Gautier ) e "La Traviata" di Giuseppe Verdi, nella quale Marie viene rappresentata come Violetta Valéry.
Per quanto concerne l’opera di Verdi possiamo solo aggiungere che è stata rappresentata per la prima volta al Teatro La Fenice il 6 marzo 1853 ma, per differenti cause, si rivelò un sonoro fiasco. Fu ripresa il 6 maggio dell’anno successivo a Venezia, al Teatro San Benedetto, nella seconda versione diretta da Verdi stesso e riscosse finalmente il meritato successo. Aggiungiamo ancora che a  causa della critica alla società borghese, l'opera fu rimaneggiata dalla censura e messa in scena con alcuni pezzi totalmente stravolti nei tatri di Firenze, Bologna, Parma, Napoli e Roma.
Per tornare alla rappresentazione dell'11 luglio avremo sul palcoscenico di Villa Clerici l'orchestra A. Vivaldi con il Quintetto Spirabilia, un coro lirico di 25 elementi, un cast internazionale per i personaggi principali, scenografia e costumi della sartoria Grandi Spettacoli: una degna cornice per una delle opere più amate dagli amanti del "bel canto".

Tipologia di evento (es. Musicale):